Invenzioni dal vero 2019

INVENZIONI DAL VERO – PARMA FILM FESTIVAL 2019

FILM

La belle époque

Regia: Nicolas Bedos

Soggetto: Nicolas Bedos

Sceneggiatura: Nicolas Bedos

Fotografia: Nicolas Bolduc

Montaggio: Anny Danché, Stéphane Garnier, Florent Vassault

Scenografia: Stéphane Rozenbaum

Costumi: Emmanuelle Youchnovski

Musiche: Nicolas Bedos, Anne-Sophie Versnaeyen

Produzione: Les Films du Kiosque, in co-produzione con Pathé, Orange Studio, France 2 Cinéma, Hugar Prod, Fils, Umedia.

Distribuzione: I Wonder Pictures

Origine: Francia 2019

Durata: 115’

Sinossi: Marito e moglie, Victor e Marianne.Disegnatore disoccupato che rifiuta il presente e il digitale Victor vorrebbe ritornare al passatoed è costretto al lasciare il tetto coniugale. Marianne invece vuoleandare avanti: psicanalista dispotica che ha bisogno di stimoli, riesce atrovarnedi erotici in François, il migliore amico di Victor. Victor accetta l’invito della Time Traveller, una curiosa agenzia che mette in scena il passato,regalandoai suoi clienti la possibilità di vivere nell’epocache desiderano.Victor sceglie dirivivere il suo incontro con Marianne, in un cafédi Lione (“La belle époque”).

L’età giovane

Regia: Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne

Sceneggiatura: Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne

Fotografia: Benoît Dervaux

Montaggio: Marie-Hélène Dozo

Scenografia: Igor Gabriel

Costumi: MaïraRamedhan-Levi

Produzione: Les Films du Fleuve,Archipel 35, France 2 Cinéma, Proximus, RTBF

Distribuzione: BIM Distribuzione

Origine: Belgio/Francia 2019

Durata:84’

Sinossi: Il tredicenne Ahmed venera il cugino martire dell’Islam. Viene indottrinato da un imam tenacemente ostile a ideologie diverse dalla propria e aggrappato alle proprie cupidigie credenze, che lo fa scivolare in un vorticoso tunnel di integralismo musulmano. Ahmed decide così, spinto dall’imam, di pianificare e attentare due volte alla vita della sua insegnante di arabo perché apostata e quindi traditrice della religione islamica. Né l’amicizia né l’amore di una giovane ragazza riescono a distoglierlo dal suo fatale obiettivo, fino al momento in cui è accidentalmente costretto a toccare il fondo.

I Am Not Alone Anyway

Regia: Veronica Santi

Soggetto: Veronica Santi

Fotografia: Lamberto Mongiorgi

Musica: Stefano D’Arcangelo, Alessandro Giovannucci

Montaggio: Francesco Pastore

Produzione: Manufactory Productions

Distribuzione: I Wonder Pictures

Origine: Italia 2017

Durata: 75’

Sinossi: Docente al DAMS di Bologna, critica d’arte e gallerista attiva tra gli anni Settanta e i primi Ottanta, Francesca Alinovi viene raccontata da chi la conosceva bene: ex compagni di scuola, artisti, colleghi e amici del tempo. Un viaggio che inizia a Parma, città natale della studiosa dove rimase fino alla conclusione degli studi al liceo classico G.D. Romagnosi, passando per Bologna e tra i fermenti artistici e culturali di New York. Attraverso interviste, filmati, testi e fotografie, il documentario ricostruisce il percorso artistico della ricercatrice e il contributo che è stata capace di offrire all’arte.

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

Regia: Lorenzo Mattotti

Soggetto: dal romanzo La famosa invasione degli orsi in Sicilia di Dino Buzzati

Sceneggiatura: Thomas Bidegain, Jean-Luc Fromental, Lorenzo Mattotti

Montaggio: Nassim Gordji Tehrani, Sophie Reine

Musiche: René Aubry

Produzione: Prima Linea Productions

Distribuzione: Bim Distribuzione

Origine: Francia/Italia 2019

Durata: 82′

Sinossi: Tonio, figlio di Leonzio re degli orsi, viene rapito dai cacciatori nelle montagne della Sicilia. Un inverno rigido e senza cibo convince Leonzio a prendere una decisione drastica: con il suo esercito e l’aiuto di un mago, decide di scendere dalle montagne ed invadere la piana dove vivono gli uomini. Gli orsi vincono, conquistano la piana e liberano Tonio. Con il tempo però, Leonzio si renderà conto che gli orsi non sono adatti a vivere nella terra degli uomini.

The Irishman

Regia: Martin Scorsese

Soggetto: dal romanzo The Irishman di Charles Brandt

Sceneggiatura: Steve Zaillian

Fotografia: Rodrigo Prieto

Montaggio: Thelma Schoonmaker

Scenografia: Bob Shaw

Costumi: Christopher Peterson, Sandy Powell

Musiche: Robbie Robertson

Produzione: Fábrica de Cine, STX Entertainment, Sikelia Productions, Tribeca Productions

Distribuzione: Netflix

Origine: Stati Uniti 2019

Durata: 209’

Sinossi: Frank Sheeran (Robert De Niro) è un ex funzionario sindacale, veterano della Seconda Guerra Mondiale e autista di camion. Incontra l’uomo del destino, Russell Bufalino(Joe Pesci), boss della mafia a Filadelfia. Le famiglie di Frank e Russell stringono un’amicizia che va al di là del business. La situazione si complica quando Russell presenta Frank a Jimmy Hoffa(Al Pacino), capo del sindacato dei camionisti. Frank diventa il suo braccio destro eil suo consigliere. Il film racconta il viaggio di questi tre personaggi attraverso gli Stati Uniti e la Storia americana.

Le mani sulla città

Regia: Francesco Rosi

Soggetto: Francesco Rosi, Raffaele La Capria

Sceneggiatura: Francesco Rosi, Raffaele La Capria, Enzo Provenzale, Enzo Forcella

Fotografia: Gianni Di Venanzo

Montaggio: Mario Serandei

Scenografia: Sergio Canevari

Costumi: Marilù Carteny

Musiche: Piero Piccioni

Produzione: Galatea Film

Distribuzione: Cineteca di Bologna

Origine: Italia 1963

Durata: 105′

Sinossi: Napoli, primi anni Sessanta. Eduardo Nottola, impresario edile e consigliere comunale di destra della città, è in lizza per diventare assessore e sogna la possibilità di grandiose speculazioni. Il crollo di un palazzo di sua proprietà e l’apertura di un’inchiesta gli darà del filo da torcere facendolo diventare uno “scomodo”, non facilmente candidabile. Ma Nottola non ferma la sua corsa verso il potere, che sa essere l’unica via di fuga dai guai giudiziari. Riuscirà a cavarsela. A costo di sacrificare il figlio e di cambiare partito l’impresario verrà eletto e riuscirà a raggiungere il suo obiettivo.

Les Misérables

Regia: Ladj Ly

Sceneggiatura: Ladj Ly, Giordano Gederlini, Alexis Manenti

Fotografia: Julien Poupard

Montaggio: Flora Volpelière

Scenografia: Karim Lagati

Costumi: Marine Galliano

Produzione: Scrab Films, Rectangle Productions, Lyly Films

Distribuzione: Lucky Red

Origine: Francia 2019

Durata: 102’

Sinossi: Stéphane, un agente di polizia, entra a fare parte, a fianco di due colleghi più esperti e dai metodi spicci, di una squadra anticrimine che agisce nella periferia parigina. Scoprirà in poco più di 24 ore che mantenere l’ordine preservando la legalità è difficilissimo. Il rapporto tra le gang del quartiere è molto teso e ancora di più quello tra queste e l’autorità. Il furto di un cucciolo di leone farà precipitare la situazione, portandola a un punto di non ritorno.

Parasite

Regia: Bong Joon-ho

Sceneggiatura: Bong Joon-ho

Fotografia: Hong Kyung-pyo

Montaggio: Yang Jinmo

Scenografia: Lee Ha-jun

Costumi: Choi Se-yeon

Musiche: Jung Jaeil

Produzione: CJ Entertainment e Barunson E&A

Distribuzione: Academy Two

Origine: Corea del Sud 2019

Durata: 132′

Sinossi: Un giovane disoccupato diventa insegnante di inglese della figlia di un imprenditore, nella cui favolosa abitazione da archistar piazza con l’inganno tutta la famiglia: la madre e il padre prendono il posto della governante e dell’autista messi genialmente in cattiva luce, mentre la sorella si candida a insegnante di pittura per il bimbo che, anche se non va al di là di qualche scarabocchio, in casa viene considerato alla stregua di un nuovo Picasso. Tutto sembra filare liscio: fino a quando la vecchia governante non si fa di nuovo viva…

Il primo re

Regia: Matteo Rovere

Soggetto: Filippo Gravino, Francesca Manieri, Matteo Rovere

Sceneggiatura: Filippo Gravino, Francesca Manieri, Matteo Rovere

Fotografia: Daniele Ciprì, Giuseppe Maio

Montaggio: Gianni Vezzosi

Scenografia: Tonino Zera

Costumi: Valentina Taviani

Musiche: Andrea Farri

Produzione: Groenlandia, Gapbusters, Rai Cinema

Distribuzione: 01 Distribution

Origine: Italia 2019

Durata: 127′

Sinossi: Travolti dallo straripare del fiume Tevere mentre conducono al pascolo il proprio bestiame, Romolo e Remo vengono trascinati dalla corrente fino alla città di Alba Longa. Catturati e resi schiavi dagli albani, i due fratelli riescono a ribellarsi ai propri aguzzini, coinvolgendo nella rivolta altri prigionieri latini. Presa in ostaggio la sacerdotessa della dea Vesta, il gruppo di rivoltosi fuggirà lungo le rive del Tevere e spetterà a Remo ristabilire l’ordine all’interno di una tribù superstiziosa che fatica ad accettarlo come capo e che desidera liberarsi di Romolo, rimasto ferito durante i tafferugli di Alba Longa. Il desiderio di indipendenza dei due fratelli sfocia ben presto in una feroce lotta per la supremazia e in un doloroso confronto ideologico.

Le ragazze di Piazza di Spagna

Regia: Luciano Emmer

Soggetto: Sergio Amidei

Sceneggiatura: Sergio Amidei, in collaborazione con Fausto Tozzi, Karin Valde

Fotografia: Rodolfo Lombardi

Montaggio: Jolanda Benvenuti

Scenografia: Mario Garbuglia

Costumi: Atelier Sorelle Fontana

Musiche: Carlo Innocenzi

Produzione: Astoria Film

Distribuzione: DCN-Mondadori Video

Origine: Italia 1952

Durata: 97’

Sinossi: Le vicende sentimentali di tre ragazze della periferia di Roma impiegate come sartine in un atelier nei pressi di Piazza di Spagna (l’aterlier delle Sorelle Fontana). Marisa, contro il parere della famiglia e la volontà del fidanzato, accetterà di fare l’indossatrice. Elena, promessa sposa di un impiegato, tenterà il suicidio dopo aver scoperto di non essere veramente amata. La piccoletta Lucia è attratta dai giovanotti di alta statura e non ricambia l’amore di un esile fantino.

Scherza con i fanti

Regia: Gianfranco Pannone, Ambrogio Sparagna

Sceneggiatura: Gianfranco Pannone, Ambrogio Sparagna

Fotografia: Niccolò Palomba

Montaggio: Angelo Musciagna

Musiche: Ambrogio Sparagna

Produzione: Istituto Luce Cinecittà

Distribuzione: Istituto Luce Cinecittà

Origine: Italia 2019

Durata: 72′

Sinossi: Un tour tragicomico nella recente storia del nostro popolo. Una canzone di pace. Il film è uno sguardo all’indietro, che parte dall’Unità d’Italia e giunge ai giorni nostri, alla scoperta del rapporto aspro ma spesso anche ironico che gli italiani hanno con i militari e con il potere. Storie private si intrecciano con la memoria collettiva di un popolo 

La scomparsa di mia madre

Regia: Beniamino Barrese

Soggetto: Beniamino Barrese

Sceneggiatura: Beniamino Barrese

Fotografia: Beniamino Barrese

Montaggio: Valentina Cicogna

Musiche: Aaron Cupples

Produzione: Nanof, Rai Cinema

Distribuzione: Reading Bloom, Rodaggio

Origine: Italia 2019

Durata: 90’

Sinossi: Il regista e fotografo Beniamino Barrese accende la telecamera davanti a sua madre, Benedetta Barzini. Famosa modella durante gli anni Sessanta, prima italiana ad avere la copertina di Vogue America, musa di Andy Warhol, Salvador Dalì, Irving Penn e Richard Avedon, è diventata in seguito una femminista radicale lottando per i diritti delle donne e per la loro emancipazione. Oggi ha 75 anni e vorrebbe scomparire, vorrebbe andarsene lontano da tutto e tutti. Il film esplora il rapporto fra una madre e un figlio e al contempo riflette su temi quali la bellezza, la vecchiaia, la libertà, il potere dell’immagine.

Selfie

Regia: Agostino Ferrente

Soggetto: Agostino Ferrente

Sceneggiatura: Agostino Ferrente 

Fotografia: Alessandro Antonelli, Pietro Orlando

Montaggio: Letizia Caudullo, Chiara Russo

Musiche: Cristiano Defabriitis, Fish (Andrea Pesce)

Produzione: Arte France e Magneto

Distribuzione: Istituto Luce Cinecittà

Origine: Francia/Italia 2019

Durata: 78’

Sinossi: Napoli, Rione Traiano. Alessandro e Pietro, entrambi di sedici anni, abitano poco lontani uno dall’altro. A dividerli è soltanto un viale, quel Viale Traiano che dà il nome al rione e dove, nel 2014, venne ucciso Davide Bifolco, anche lui sedicenne, da un carabiniere lo scambiò per un latitante. Lui non aveva precedenti e sognava solo di fare il calciatore. I due ragazzi hanno accettato la proposta del regista di riprendersi con un iPhone, raccontando così la loro quotidianità di ragazzi napoletani.

Sole

Regia: Carlo Sironi

Soggetto: Giulia Moriggi, Carlo Sironi

Sceneggiatura: Giulia MoriggiCarlo Sironi, Antonio Manca

Fotografia: Gergely Poharnok

Montaggio: Andrea Maguolo

Scenografia: Ilaria Sadun

Costumi: Olivia Bellini

Musiche: Teoniki Rozynek

Produzione: Kino Produzioni, Rai Cinema, Lava Films

Distribuzione: Officine Ubu

Origine: Italia/Polonia 2019

Durata: 102’

Sinossi: Ermanno e Lena sono due giovani coetanei, soli ed emarginati. Lui è un ragazzo italiano che passa la vita tra gioco d’azzardo e piccola criminalità, lei è una ragazza polacca incinta, arrivata in Italia per vendere la bambina che sta portando in grembo. Su richiesta dello zio – che insieme alla moglie vuole adottare la figlia di Lena – Ermanno dovrà fingersi il padre della futura bambina. I due ragazzi, spinti sia dalle necessità economiche, sia dalla ricerca di un nuovo inizio, sono costretti a una convivenza forzata e a uno stretto rapporto inaspettato; giungendo così all’evento che, forse, non sono pronti ad affrontare: la nascita della bambina, di nome Sole.

Sorry We Missed You

Regia: Ken Loach

Sceneggiatura: Paul Laverty

Fotografia: Robbie Ryan

Montaggio: Jonathan Morris

Scenografie: Fergus Clegg

Musiche: George Fenton

Produzione: Sexteen Films, Wild Brunch, Les Films du Fleuve

Distribuzione: Entertainment One

Origine: Gran Bretagna/Francia/Belgio 2019

Durata: 101’

Sinossi: Storia di Ricky, working class hero con moglie e due figli, di cui uno in età complicata: per mantenere la famiglia e magari in un futuro comprare una casa propria, decide di acquistare un furgone con il quale consegna pacchi a tutta la città lavorando 14 ore al giorno. Mentre nel frattempo la moglie, venduta l’auto per aiutarlo, viaggia in bus per dare una mano ad anziani (chi se la fa addosso, chi non vuole mangiare, chi cerca solo un po’ di compagnia) e disabili. Per entrambi molti oneri e pochi diritti: e una qualità della vita ormai compromessa

L’ultimo giorno

Regia: Amedeo Cavalca, Carlo Ugolotti

Soggetto: Lucilla Del Poggetto

Sceneggiatura: Amedeo Cavalca, Carlo Ugolotti

Fotografia: Amedeo Cavalca

Montaggio: Amedeo Cavalca

Musiche: Whispers (My Gravity Girls, eseguita da My Gravity Girls)

Produzione: Amici Biblioteca San Leonardo, in collaborazione con Istituto della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Parma

Origine: Italia 2019

Durata: 25’

Sinossi: 25 Aprile 1945. L’esercito tedesco in rotta e ormai condannato alla sconfitta, passa attraverso tre piccoli paesi della campagna nei pressi di Parma (Pizzolese, Ravadese e Case Vecchie). Circondate dalle forze alleate e partigiane, le truppe naziste rastrellano e massacrano la popolazione locale in quello che viene oggi celebrato come il giorno che ha posto fine alle violenze. Il racconto di questa grottesca violenza è narrato da chi era bambino all’epoca in una serie di evocative interviste alternate a riprese dei luoghi e a materiale di repertorio dell’epoca.

L’Urlo

Regia: Francesco Barilli

Soggetto: da L’Urlo di Camillo Bazzoni 

Sceneggiatura: Francesco Barilli

Fotografia: Pierpaolo Pessini

Montaggio: Nicola Tasso

Scenografie: Francesco Barilli

Costumi: Franco Setti

Produzione: Avila Entertainment 

Distribuzione: Avila Entertainment 

Origine: Italia 2019

Durata: 15’

Sinossi: Ambientato in un futuro distopico orwelliano, in cui ogni genere di emozione è non solo inibita ma anche vietata. Infrangendo le leggi dello stato, Paolo Caren legge libri, ascolta musica e si innamora. La polizia di stato, per la salvaguardia del popolo si mette sulle sue tracce. Caren viene spiato, seguito e infine arrestato.